100% NATURA. Turismo scolastico nel Parco dei Cento Laghi

Condividimi!

9 proposte dedicate alle scuole per scoprire il Parco

Sono disponibili le nuove proposte ufficiali del Parco regionale delle Valli del Cedra e del Parma per il turismo scolastico per gli anni scolastici 2009/2010 e 2010/2011.

9 proposte, ognuna delle quali dedicata ad uno o più ordini scolastici (dalla Scuola dell’infanzia alla Secondaria di II grado), della durata di 1 o 2 giornate, per “fermarsi” nel Parco e approfondire tematiche legate ad agricoltura e produzioni tipiche, natura e paesaggio, storia e cultura, alimentazione, educazione alla sostenibilità.

Le attività portano i ragazzi a diretto contatto con il paesaggio, l’ambiente, le persone, e vanno a creare un’offerta variegata, permettendo di scoprire il Parco non solo nel periodo “tipico” per le uscite didattiche (primavera), ma anche “fuori stagione”, per apprezzare i colori e i sapori autunnali e, in inverno, il fascino della montagna innevata lontano dalle piste e dalla neve artificiale. Tutto questo proposto in un giusto mix di didattica, attività ludico-sportive ed esperienze sensoriali, tra sentieri, laghi e corsi d’acqua, faggete, castagneti, percorsi acrobatici sugli alberi, aziende agricole, borghi storici.

Le uscite sono gestite da Guide Ambientali Escursionistiche, riconosciute e abilitate ai sensi della L.R. 4/2000 “Norme per la disciplina delle attività turistiche di accompagnamento”, in alcuni casi  accompagnate da “esperti” delle specifiche materie affrontate.

Queste le proposte in sintesi:

Il grande castagneto e la fattoria (Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria):  una giornata nel castagneto e in fattoria, un’esperienza nella natura per conoscere la vita nel territorio del Parco e per scoprire le caratteristiche di un’azienda agricola di “montagna”: dalle coltivazioni alla cura degli animali alle produzioni alimentari locali.

L’agricoltura nel tempo (Scuola Primaria e Secondaria di I grado): per generazioni e generazioni le genti dell’Appennino hanno saputo vivere utilizzando sapientemente i prodotti offerti spontaneamente dalla natura, sfruttandone intelligentemente le risorse e rispettandone i limiti. Questo forte legame tra l’Uomo e la Terra è il tema conduttore dell’attività, che coinvolge i ragazzi in approfondimenti scientifici ed esperienze sensoriali.

La foresta di Barbalbero (Scuola Primaria e Secondaria di I e II grado): all’interno della faggeta di Prato Spilla, tra laghi glaciali e torbiere, circondati dalle alte cime del crinale appenninico, il gioco, lo sport e l’esplorazione si intrecciano indissolubilmente. I ragazzi vengono coinvolti in avventurose attività ludico-sportive (nel Parco delle 100 Avventure) nelle quali mettere alla prova le capacità di coordinazione ed orientamento misurandosi con prove semplici, ma non comuni.

Giardini montani: erti, colti, selvatici (Scuole Secondarie di I e II grado):  alla scoperta del linguaggio discreto delle piante per raccontare il paesaggio.

Le cattedrali vegetali e i fiori dei Licantropi (Scuola Secondaria di I e II grado): fiori, alberi e arbusti tra scienza, leggenda e tradizione.

Medici di fiume (Scuola Secondaria di I e II grado): esplorazione guidata alla scoperta dello stato di salute del fiume e delle complesse dinamiche che lo caratterizzano.

Tracce di storia (Scuola secondaria di I grado): reportage tra arte, cultura e natura.

Cristalli di neve nel Parco (Scuola Primarie e Secondaria di I e II grado): attività che si propone di trasmettere agli studenti l’esperienza della montagna invernale innevata, dando loro la possibilità di percorrere itinerari nella natura lontano dalle piste e dalla neve artificiale.

Raccontare la terra: la natura, la storia, la cultura (Scuola Primaria e Secondaria di I e II grado): un viaggio durante il quale i ragazzi potranno imparare le basi della cartografia ed ascoltare i racconti della terra: la storia, le tradizioni, i giochi tradizionali, il lavoro agricolo, la grande frana di Corniglio.

È possibile scaricare il depliant con le proposte per il turismo scolastico dai siti del Parco: www.parks.it/parco.cento.laghi e http://www.parchi.parma.it/ oppure richiederne l’invio postale gratuito telefonando ai numeri 0521/880363 – 0521/896618 oppure inviando una e-mail all’indirizzo: parco.centolaghi@cmparmaest.pr.it e lasciando proprio recapito.

Condividimi!

Autore dell'articolo: TurismoSociale