Arte contemporanea nel cuore del Chianti Senese

L'opera di Kim Hae Won [Photo Credits:  FranArtPhotography]

Una delle opere del Parco [Photo Credits: FranArtPhotography]

Tra gli splendidi borghi e  i paesaggi fiabeschi del Chianti Senese si nasconde un vero gioiello artistico contemporaneo tutto da scoprire. Si tratta del Parco Sculture del Chianti, una mostra permanente di installazioni e sculture, perfettamente integrato alla natura che lo circonda a Pievasciata.

Ognuno degli artisti – provenienti da tutto il mondo – ha visitato personalmente il bosco e ha proposto, quindi, un’opera specifica per il luogo scelto. Il risultato è il connubio ideale tra le opere e l’ambiente che creano l’affascinante atmosfera multiculturale che si respira lì.

[Photo Credits:  FranArtPhotography]

Arte contemporanea e natura nel cuore del Chianti [Photo Credits: FranArtPhotography]

Inaugurato ufficialmente nel maggio del 2004, il Parco è frutto dell’iniziativa dei coniugi Giadrossi, appassionati di arte contemporanea, che hanno dedicato al progetto un’area di sette ettari di uno splendido bosco di querce e lecci.

Una vecchia fabbrica di articoli in terracotta fa da cornice alla galleria “La Fornace”, dove pittori e scultori del panorama internazionale quali Vincent Leow di Singapore, l’americano Benbow Bullock e l’italiano Adriano Visintin hanno scelto di esporre le sue opere.

[Photo Credits:  FranArtPhotography]

L’arcobaleno di Federica Marangoni [Photo Credits: FranArtPhotography]

Durante i mesi estivi, il suggestivo Anfiteatro ospita suggestivi concerti di musica classica, jazz, opera, tango ed altri generi musicali.

Poco distante dal Parco, si trovano altre nove installazioni grazie all’iniziativa Pievasciata B.A.C – Borgo di Arte Contemporanea. L’idea del progetto nato dalla collaborazione tra l’Associazione Culturale Amici del Parco, la Regione Toscana, la Provincia di Siena ed il Comune di Castelnuovo Berardenga è quella di coinvolgere sia le istituzioni che i privati ad esporre opere d’arte sui propri terreni per rendere ancora più attraente territorio.

Per ulteriore informazioni e per scaricare le App del Parco Sculture del Chianti, vi consigliamo di visitare il loro sito web.

Click here to view the embedded video.

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento