Autunno d’arte: 3 mostre imperdibili in Toscana

Picasso, Modigliani e Robert Capa: sono queste le tre grandi mostre in programma nelle città d’arte della Toscana, per un autunno all’insegna della cultura.

A Firenze Palazzo Strozzi ospita la grande esposizione dedicata a uno dei più grandi maestri della pittura del XX secolo: Pablo Picasso. Dal 20 settembre al 25 gennaio del 2015 si potranno ammirare circa 90 opere: non solo le produzioni di Picasso, come il Ritratto di Dora Maar o la Testa di cavallo, ma anche le creazioni di altri artisti, come Siurana, il sentiero di Joan Miró.
La mostra infatti si presenta come una riflessione sull’influenza e sul confronto tra Picasso e gli altri importanti artisti spagnoli della sua epoca, tra cui Salvador Dalì. Per la prima volta saranno esposti fuori dalla Spagna moltissimi disegni, incisioni e dipinti preparatori al grande capolavoro Guernica.

Picasso Ritratto di Dora MaarPicasso, Ritratto di Dora Maar

A Pisa dal 3 ottobre si apre a Palazzo Blu la mostra su Amedeo Modigliani, che ripercorre la vicenda artistica dell’artista toscano, dal periodo della sua formazione a Livorno fino al suo trasferimento a Parigi, nel 1906, nella costante e irrequieta ricerca del nuovo. Proprio nella capitale francese della cultura avanguardista e dei fauves Modigliani matura la sua poetica artistica, tra amici come Georges Braques e Jean Cocteau.
Insieme alla selezione di opere di Modì, provenienti dal Centre Pompidou di Parigi, saranno presenti anche i grandi capolavori di artisti dell’epoca, suoi contemporanei e compagni di avventure a Montparnasse tra i quali Picasso, Marc Chagall, Fernand Léger.  La mostra, arricchita dalle sculture e dalle fotografie di Costantin Brancusi, resterà aperta fino al 15 febbraio del 2015.

modiglianiAmedeo Modigliani, Ritratto di Dédie

Per finire al Lucca Center of Contemporary Art si può ammirare fino al 2 novembre la retrospettiva dedicata a quello che forse è il più grande fotoreporter di guerra del Novecento: Robert Capa. Le sue foto, per cui spesso ha rischiato la vita, raccontano alcuni dei momenti più tragici del secolo scorso, dalla guerra civile spagnola allo sbarco in Normandia, dalla conquista alleata della Sicilia alla fondazione dello stato di Israele nel 1948.

Robert CapaRobert Capa nell’agosto del ’44 ritrae in Francia la punizione pubblica di una donna francese che aveva avuto un figlio con un soldato tedesco

Gli scatti di Robert Capa non si limitano a documentare la storia mi ci portano direttamente sulla scena, con una potenza visiva unica che riesce ad evocare e rendere reali gli scenari impressi sulla pellicola. Bellissimi e anticonvenzionali anche i ritratti dei grandi artisti, da un giovanissimo Truman Capote che abbraccia un cagnolino a Henri Matisse che lavora nel suo studio di Nizza.

Robert CapaRobert Capa ritrae Ernest Hemingway insieme al figlio Gregory, a caccia nella Sun Valley del 1941

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento