Bergamo, terra di formaggi. Un viaggio tra campagne, valli, montagne e specialità enogastronomiche

Tra campagna, valli e monti, per un viaggio alla scoperta delle bontà casearie della bergamasca

Foto: Taleggio

Freschi o stagionati, vaccini o caprini: se i formaggi sono la vostra passione, non potete farvi mancare un viaggio gastronomico nella provincia che detiene il primato italiano, per varietà e pregio, di formaggi a Denominazione d’Origine Protetta. Dove vi portiamo? A Bergamo!

Queste terre, grazie al latte che proviene da oltre 120 pascoli e alpeggi, contano infatti ben 9 formaggi DOP, 3 presidi Slow Food e numerose altre specialità che trovano posto nell’elenco regionale dei prodotti tipici. Assaggiando le tipicità bergamasche, nella splendida cornice di un paesaggio giocato tra campagne, valli e monti, potrete godervi un gustosissimo viaggio alla scoperta dell’anima di questa terra, dei suoi profumi e della sua storia che si rinnova da secoli nella produzione casearia.

Ecco qualche consiglio: potrete provare lo Stracchino all’Antica, presidio Slow Food il cui nome si riferisce alle mucche stanche dopo la transumanza, oppure lo Strachitunt, prodotto DOP della Val Taleggio di origine antichissima di cui si attestano le tracce fin dal 1380. Altre specialità DOP sono Formai de Mut, Taleggio, Bitto, Grana Padano, Gorgonzola, Quartirolo Lombardo, Provolone Valpadana e Salva Cremasco, un tipo di stracchino nato per “salvare” il latte prodotto in eccedenza. Mentre tra i presidi Slow Food troviamo anche l’Agrì di Valtorta e il Bitto Storico. Quest’ultimo, delizia che unisce il latte di vacca a quello di capra.

E allora gambe in spalla! Mentre delizierete il palato con la bontà dei prodotti della zona, approfittatene per esplorarne le bellezze. Perché non iniziare proprio dalla verde Val Taleggio? Qui potrete passare un weekend all’insegna di buona tavola, escursioni naturalistiche e gioielli storici.

***

Bergamo, land of cheese. A trip into the country, valleys and mountains, and wine and food specialities

Into the country, valleys and mountains for a trip to find the dairy goodness of the Bergamo area

Photo: Taleggio

Whether fresh or matured, of cow’s or goat’s milk, if you love cheese, don’t miss the chance of a gastronomic trip into the province of Bergamo which holds the Italian record for the variety and quality of Protected Designation of Origin cheese.

As a result of the milk from more than 120 pastures and mountain pastures, this area counts 9 PDO cheeses, 3 Slow Food presidia and many other specialities that find a place in the regional list of traditional products. Tasting the traditional cheeses of Bergamo in the landscape of country, valleys and mountains, you can enjoy a very tasty trip to discover the heart of this land, its scents and history which has been renewed in dairy production for hundreds of years.

Here are some suggestions – why not try the Stracchino all’Antica, a Slow Food presidia whose name refers to the cows tired by transhumance, or Strachitunt, a PDO product of Val Taleggio with very ancient origins of which traces can be found from 1380. Other PDO specialities are Formai de Mut, Taleggio, Bitto, Grana Padano, Gorgonzola, Quartirolo Lombardo, Provolone Valpadana and Salva Cremasco, a type of stracchino (a soft cheese made from cow’s milk) created to ‘save’ excess milk. There are also the Agrì di Valtorta and Bitto Storico, which unites cow’s and goat’s milk, among the Slow Food presidia.

So best foot forward. Take advantage and explore the beauty of the area as you delight the palate with the goodness of local products. You could start from the green Val Taleggio where you can spend a weekend with good food, naturalist trips and historic gems.

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento