CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA – MUSEI E FORTI IN TRENTINO

A 100 anni dalla Prima Guerra Mondiale, evento drammatico che ha cambiato la storia dell’intera società e della comunità trentina, scopriamo i numerosi luoghi della memoria, come fortificazioni e musei, situati nei diversi ambiti del Trentino… per non dimenticare! Un’occasione in più per scoprire come questa terra di confine, sia una destinazione anche culturale, “impregnata” di storia e di testimonianze passate.

centenario grande guerra

Molte zone in Trentino, portano ancora le cicatrici e i segni di trincee e bombardamenti della Grande Guerra. In occasione del centenario, gli enti territoriali, commemorano  questo importante anniversario con l’organizzazione di trekking guidati tra gli itinerari della Grande Guerra e la valorizzazione dei luoghi della Memoria con numerose iniziative.  Vediamo assieme alcune testimonianze:

MUSEI E FORTI DELLA GUERRA IN VAL DI SOLE

Lungo la strada sinuosa che conduce a Passo del Tonale tra gli imponenti massicci dell’Ortles – Cevedale, le Dolomiti di Brenta e il Gruppo dell’Adamello – Presanella, si trovano numerose fortificazioni. Tra i più noti, Forte Strino e Forte Zaccarana, visitabili anche grazie ad escursioni trekking guidati. In questa zona del Trentino, così come in Val Rendena, la guerra ha cambiato addirittura nome, divenendo “guerra bianca” contesa tra i ghiacciai e le cime di possenti montagne. Da non perdere, sempre in Val di Sole, il Museo della Guerra di Vermiglio con numerose testimonianze e il Sentiero della Pace tra lo Stelvio e la Marmolada che si snoda per oltre 450 km. Per chi invece vuole comprendere cosa significhi veramente vivere in una postazione aspra ed accidentata, merita sicuramente una visita il presidio austro-ungarico di Punta Linke a 3.632 m di quota.

forte_strino_trentinoForte Strino – Vermiglio – Val di Sole

TESTIMONIANZA DELLA GUERRA IN VALLE DI LEDRO E ALTO GARDA

La zona dell’Alto Garda rappresentava e rappresenta tuttoggi, una via di facile accesso e pertanto indispensabile da difendere. Se vi trovate in vacanza sul Lago di Garda, da non perdere gli itinerari che conducono sul Monte dell’Altissimo, Monte Stivo e Monte Carone, dedicati alla Grande Guerra. Meritano sicuramente una visita, anche fortificazioni come Forte San Nicolò, situato sulle rive del lago, Forte Tombio, Forte Nago, Forte Garda e una visita al MAG – il Museo dell’Alto Garda a Riva del Garda.

ITINERARI DELLA GRANDE GUERRA IN VAL RENDENA e VAL DEL CHIESE

In uno dei comprensori più vasti del Trentino come le Giudicarie, troviamo numerose testimonianze storiche legate alla Grande Guerra, come forti, ossari, sacrari ed appostamenti bellici. Nella zona della Val del Chiese, in occasione del Centenario è possibile visitare dopo anni di restauri l’imponente Forte Corno, fortezza austro-ungarica che troneggia sulla Valle. Poco distante, si trova Forte Larino, realizzato all’altezza del paese di Lardaro, anch’esso restaurato recentemente. Sempre nelle Giudicarie, anche la Val Rendena è stata fortemente segnata dai combattimenti bellici. Basti pensare ad alcuni dei rifugi più noti come il Carè Alto, il Rifugio ai Caduti dell’Adamello nella parte occidentale della Lobbia Alta, dove con lo scioglimento dei ghiacciai sono state ritrovate numerose testimonianze. Infine, per chi non desidera inerpicarsi ad altezze elevate, consigliamo di visitare il Museo della Guerra bianca Adamellina a Spiazzo Rendena, che conserva i reperti recuperati sull’Adamello.

forte-corno-trentinoForte Corno – Lardaro – Valle del Chiese

VAL DI FIEMME E VAL DI FASSA: TESTIMONIANZE DELLA GRANDE GUERRA

Ammirando gli splendidi panorami idilliaci delle Valli di Fiemme e Fassa, sembra quasi impossibile che questi luoghi siano stati teatri di combattimenti. Eppure, anche queste zone del Trentino  sono stati toccati dalla Grande Guerra. Ne sono testimonianze: Forte Buso nel Parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino che fungeva da sbarramento stradale e Forte Dossaccio costruito per controllare le avanzate da Passo Rolle. Numerosi poi sono gli  itinerari che si snodano tra le più belle vette della Marmolada con centinaia di metri di gallerie e camminamenti.

LUOGHI DELLA MEMORIA IN VALSUGANA, LAGORAI E PRIMIERO

In Valsugana, nel Lagorai e in Primiero è possibile scoprire numerosi luoghi della memoria come Forte Tenna, situato sulla collina che divide i laghi di Caldonazzo e di Levico. Da non perdere, in occasione del Centenario, la mostra permanente sulla Grande Guerra in Valsugana e Lagorai a Borgo Valsugana e i cimeli sul Monte Cauriol, montagna appartenente alla Catena del Lagorai con il suo intreccio di escursioni belliche della Grande Guerra.

Tantissime sono le testimonianze della guerra in altri ambiti del Trentino, come gli Altipiani di Lavarone  e Luserna, Rovereto con la Campana dei Caduti, la più grande al mondo che ogni sera commemora i caduti di tutte le guerre,  la Vallagarina e Trento. Avete già avuto modo di visitare uno di questi luoghi della memoria?

forte-belvedere-lavaroneForte Belvedere – Altopiano di Lavarone

Se non avete avuto ancora occasione, approfittate della speciale proposta vacanza #emozionidelbenessere per scoprire il Sentiero della Pace. Maggiori info qui: http://bit.ly/emozionidelbenesseretrentino 

Crediti: trentinograndeguerra, news.giudicarie.com, visitchiese.it, visitvalsugana.it 

L’articolo CENTENARIO DELLA GRANDE GUERRA – MUSEI E FORTI IN TRENTINO sembra essere il primo su Trentino Wellness Blog.

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento