CLUB DELLE VELE Firmata in Maremma la carta nazionale per la gestione del turismo sostenibile

Comuni e parchi per la nascita di una nuova rete italiana in ambito turistico: l’atto è stato firmato a Vetulonia a conclusione della 2 giorni organizzata in Maremma

Si è conclusa a Vetulonia con la firma della Carta del Club delle Vele la due giorni di workshop organizzata in Maremma da Legambiente in collaborazione con Touring Club Italia e Comune di Castiglione della Pescaia, e sostenuta da Iccrea banca. Il protocollo, che regolerà la gestione sostenibile dei vari territori, è stato firmato dai sindaci di tutta Italia arrivati in Maremma per l’occasione. Con questo atto il Club delle Vele di Legambiente vuole riunire le eccellenze della penisola in termini di sostenibilità turistica, rinnovandolo ogni anno in occasione della consegna delle Vele.

“La Carta del Club delle Vele – ha spiegato Angelo Gentili, responsabile nazionale Legambiente Turismo – riunisce molti soggetti in ambito turistico e rappresenta una sfida per tutelare il territorio e valorizzare le bellezze nazionali, rilanciando allo stesso tempo l’economia. Più soggetti mettiamo in questa rete e più siamo forti. Alberghi, campeggi, parchi e tutti gli altri soggetti che ne fanno parte si uniscono per organizzare e costruire il turismo. Il sistema paese deve ascoltare quello che è a tutti gli effetti un sistemo concreto fatto di buone pratiche. La forza di questo club è il fare appunto fare sistema e dare a tutti strumenti per migliorarsi e crescere come rete, realizzando dei distretti turistici sostenibili proprio a partire dalla Maremma dov’è stato organizzato il primo incontro del Club delle Vele”.

Tra i primi firmatari della carta, oltre a Legambiente, Touring Club e Vivilitalia, ci sono le amministrazioni comunali di Grosseto, Follonica, Camerota, Castiglione della Pescaia, Fasano, Gardone, Maratea, Molveno, Monterosso, Orbetello, Ostuni, Pollica, Posada, Santa Marina Salina, Scarlino, Vernazza, oltre all’adesione di Federparchi e del Parco regionale della Maremma, Parco delle cinque terre, Parco regionale dune costiere e dell’Area marina Isole Egadi.

Prima della firma del protocollo, le amministrazioni comunali giunte in Maremma hanno visitato il museo archeologico di Vetulonia, vero e proprio gioiellino maremmano, e partecipato alla conferenza di chiusura della due giorni di workshop indetto dal Club delle Vele.

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento