Costa neoCollection è un viaggio nel mondo del gusto, parola dell’Executive Chef Antonio Brizzi

Amici, su Costa neoRiviera è iniziato il Festival della Cucina Mediterranea nato dalla collaborazione con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo con tanti laboratori, dimostrazioni pratiche e degustazioni che coinvolgono gli Ospiti più da vicino. A bordo Luana ha intervistato l’Executive Chef Antonio Brizzi che si trovava su Costa neoRiviera già durante la Grande Crociera d’Africa. Ecco cosa ci ha raccontato del suo lavoro:

“La Grande Crociera d’Africa firmata Costa neoCollection: un susseguirsi di novità, luoghi incantevoli e delizie per il palato che ci hanno accompagnato in questo magico viaggio di due mesi intorno ad un continente tanto affascinante. Abbiamo avuto il piacere di avere a bordo l’Executive Chef Antonio Brizzi che  è stato capace di proporre agli Ospiti di Costa neoRiviera veri e propri “viaggi per il palato”, combinando alla perfezione quella che  è la tradizione della cucina italiana con la tipicità di piatti locali che sono stati studiati appositamente per rendere l’esperienza neoCollection ancora più interessante e speciale.

Buongiorno Antonio, ci racconti com’è iniziata la tua passione per il mondo della cucina?

Ho iniziato a muovere i primi passi in cucina all’età di 12 anni, ma sin dagli 8 coltivavo il desiderio di diventare un grande cuoco. Ho studiato alla scuola alberghiera “Arturo Prever” di Pinerolo, in provincia di Torino. Ho avuto varie esperienze e il piacere di lavorare con molti Chef che mi hanno insegnato molto e mi hanno fatto amare sempre più il mio lavoro.

Quando hai iniziato a lavorare con Costa Crociere e quando sei diventato Executive Chef?

Ho iniziato a lavorare in Costa Crociere 9 anni fa, e grazie a Costa ho avuto il piacere di lavorare con grandi Chef come Salvatore Luppino e Ciro Perfetto. Da 5 anni ricopro il ruolo di Executive Chef.

Sei stato Executive Chef per due giri del mondo consecutivi, il primo con Costa Deliziosa e il secondo con Costa neoRomantica, ora la Grande Crociera d’Africa firmata neoCollection. Si direbbe che ami le crociere lunghe e le novità, dico bene?

Sono crociere fantastiche, dove la cucina prende una forma mondiale, proponendo piatti e specialità di tutti i posti visitati. È un’esperienza di vita e gastronomica che credo unica nel suo genere.

La tua opinione sul prodotto neoCollection?

Il progetto neoCollection è una nuova opportunità di viaggio validissima, dove la qualità è padrona della crociera, un viaggio alla scoperta dei sapori e delle specialità dei vari posti visitati. Utiliziamo prodotti tipici e d’eccellenza studiati insieme all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. È un ottimo modo per poter far gustare ai nostri Ospiti vari prodotti d’eccellenza provenienti da Presidi scelti selezionati. Un viaggio nel mondo del gusto che diventa indimenticabile.

Durante questa Grande Crociera d’Africa hai collaborato con Chef locali come Giorgio Nava a Cape Town in Sudafrica, creando menù con note di cucina locale e proponendo nuove e innovative ricette ai nostro Ospiti. Cosa ne pensi di questa esperienza? E qual’ è stato il feedback degli Ospiti?

È stata un’esperienza bellissima. Si tratta di cooperazioni dove noi Chef ci divertiamo a lavorare insieme e uniamo le nostre esperienze in modo da offrire delle pietanze fantastiche ed indimenticabili ai nostri Ospiti. In particolar modo quella con lo Chef Giorgio Nava è stata un’esperienza che rimarrà senz’altro nei miei più bei ricordi.

Una delle grandi novità firmata neoCollection è l’introduzione del servizio “Open Seating” al ristorante. Le opinioni degli Ospiti a bordo sono positive, cosa ne pensi personalmente?

È  un’ottima scelta. Il servizio “open seating” offre la possibilità di sedersi a tavola per cenare quando si vuole, rende la crociera più rilassante e in cucina ci permette di poter fare tutte le preparazioni al momento e di poter lavorare come la classica cucina di un ristorante.

Non voglio sapere il segreto del tuo mestiere, ma durante la visita alle cucine si rimane colpiti dalla mole di persone perfettamente coordinate che vi lavorano. Quanti siete e qual è il tuo segreto per far funzionare tutto perfettamente?

La cucina è un mondo davvero straordinario. A lavorare nelle cucine di Costa neoRiviera siamo in 75. Il segreto del mio mestiere? Alla base di tutto c’è la professionalità che si acquisisce con gli studi e con l’esperienza. Bisogna essere molto organizzati e avere buone qualità manageriali, sempre presenti e attenti, bisogna organizzare bene il lavoro, gli orari, e le preparazioni. Non meno importante è l’acquisto delle materie prime, le pulizie ecc… Qui a bordo di Costa neoRiviera siamo una squadra bellissima e quando, come tutti noi, fai il tuo lavoro con amore il piacere è straordinario.”

Ed è proprio così, soprattutto quando la cucina diventa cultura, come nel caso del Festival della Cucina Mediterranea in corso adesso su Costa neoRiviera.

Grazie a Luana e grazie ad Antonio.

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento