Da il Sole 24Ore: “Tutto esaurito per i pellegrini nella settimana santa”.

Articolo tratto da: Il Sole 24Ore | Cronaca di Roma | di Mercoledì 24 Marzo 2010 – Pagg. 14 e 15

articolo-sole24ore-001
(clicca sull’immagine per leggere l’articolo in formato PDF)

Roma si conferma capitale del turismo religioso per il prossimo periodo pasquale. E fa registrare il tutto esaurito: strutture ricettive e tour operator specializzati in molti casi sono gia “sold out”. Secondo Gianni Sensi, presidente dell’associazione turismo religioso, saranno circa 48mila i pellegrini che affolleranno Roma durante la settimana santa, con una media di 12mila presenze al giorno.

Un dato che risulta stazionario rispetto allo stesso periodo del 2009, perche «la Pasqua è sicuramente uno dei periodi dell’anno in cui la presenza dei pellegrini e piu massiccia», afferma Sensi. «Le 160 strutture ricettive che gestiamo non hanno piu camere libere – continua -. E’ tutto già prenotato. Il problema si pone in altri periodi deli’anno, quando registriamo una grossa flessione».

Boom di prenotazioni confermato dagli istituti religiosi che ospitano i pellegrini: «C’e una grossa affluenza fanno sapere dalla “Casa di Santa Brigida”, istituto gestito dalle suore brigidine, a pochi passi da Campo de’ Fiori -. Abbiamo tutte le stanze piene fino all’8 aprile».

Il viaggio-tipo del pellegrino tra i tanti luoghi di culto della capitale è diventato piu breve. Dura in media 3 giorni, mentre «fino a qualche anno fa il soggiorno ne durava circa 5» continua Sensi. Per il pernottamento si scelgono per lo piu strutture di categoria media come “case-ferie”, ostelli religiosi, alberghi 3 stelle o bed&breakfast, spendendo oltre 50 euro al giorno per persona. «Per un pacchetto di 3 giorni – spiega il presidente dell’associazione turismo religioso si spendono circa 160 euro.

Forse anche una somma inferiore se si tratta di giovani alia ricerca del viaggio low-cost. Ad arrivare saranno per lo più turisti tedeschi, mentre il mercato americano ha avuto un calo del 50-60%, come quello orientale, che fa registrare un 40% di presenze in meno».

Di «netto calo di partenze rispetto allo scorso anno», invece, parla Anna lalungo, titolare dell’azienda di trasporti la lungobus, specializzata in turismo religioso. «Quest’anno abbiamo registrato un numero minoredi prenotazioni, soprattutto da parte di gruppi stranieri – continua -. Ci sono molte richieste di preventivi, ma poche poi si trasformano in prenotazioni.

Gli effetti della crisi si sono sentiti di più quest’anno». A parte Roma, luogo di culto per eccellenza per moltissimi fedeli cristiani, riscuotono grande successo anche altre mete laziali: «Si tratta soprattutto dei luoghi di pellegrinaggio come Subiaco e Tivoli. Quest’anno, pero, abbiamo ricevuto alcune richieste anche per gli scavi di Ostia antica e la zona di Tarquinia.

Se.R.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.