FVG tra mare e terra

Viaggio in Friuli Venezia Giulia, tra mare e terra, Trieste, Lignano Sabbiadoro, Marano e Grado

Arriviamo in Friuli Venezia Giulia un sabato mattina di fine maggio, è la laguna di Grado a darci il benvenuto, entrando all’isola del sole, così è chiamata anche questa località, la troviamo proprio sulla destra, il panorama con sullo sfondo il Santuario dell’isola di Barbana è un quadro, ci siamo già innamorati.

IMG_0198

Per il nostro week-end di inizio stagione abbiamo scelto il campeggio Tenuta Primero, è il primo di una serie di tre, poco prima di entrare a Grado Pineta, fa parte delle strutture che aderiscono al Club Family Experience Mare, qui le famiglie sono benvenute con una serie di servizi family dedicati. Ritiriamo il nostro Family Experience Mare Carnet che ci consegnano alla Reception, un libretto con numerosi buoni sconto per accedere alle attrazioni family nelle principali località di mare della Regione.

Ci sistemiamo nel nostro bungalow a pochi passi dal mare, sarà la nostra casa per i prossimi due giorni, nella struttura c’è pure una bella piscina dove i nostri piccoli sguazzeranno un bel po’ passando dalla zona idromassaggio, quella con le bolle per dirla alla loro, alla vasca più grande dove perfezionarsi nel loro stile ancora cucciolesco.

DSC_2640

Grado è una bella cittadina di mare, la particolarità che la contraddistingue rispetto altre località similari è il fatto che è abitata anche fuori stagione, questo dettaglio la rende viva e poco impersonale, è piacevole incontrare la gente del posto che parlando in dialetto la chiama ancora “Gravo”. La prima cosa che facciamo è noleggiare un’imbarcazione e farci un giro in laguna, possiamo così approfittare di un punto di vista privilegiato su questo tratto di costa, bimbi felici a prua ed a poppa buttano ogni tanto il retino a mare, si sentono pescatori, adorano il mare, siamo pure fortunati a vedere uno stormo di cigni che in perfetta formazione si destreggia sopra le nostre teste.

IMG_0210

Il nostro approccio a Grado continua con un giro in centro per scoprire il cuore della città vecchia, tra edifici caratteristici in pietra a vista ci sono scorci dove lasciare il cuore, un gelato vicino al porticciolo davanti alle barche dei pescatori, una sosta al parco giochi nella piazza dietro l’ingresso principale della spiaggia ed il tempo fila veloce, tra uno scatto e l’altro, una risata e magari un piccolo capriccio che si spegne in un attimo davanti alla prospettiva di una corsa ed un castello costruito con la sabbia.

C’è un bel sole il nostro secondo giorno nel Friuli Venezia Giulia, abbiamo già scelto il nostro itinerario perciò non ci resta che fare una bella colazione davanti al porticciolo da diporto della Tenuta Primero e metterci in auto con direzione Marano. Per arrivarci percorriamo la strada che taglia in due la laguna, l’altro collegamento alla terra ferma di Grado, e porta a Belvedere, non per nulla si chiama così, clic! Sfiliamo Aquileia con la grande cattedrale ed il grande Parco Archeologico con i reperti di epoca romana, in circa 30 minuti siamo a destinazione, è una cosa del Friuli Venezia Giulia che apprezziamo particolarmente il fatto che tutto si raggiunge abbastanza velocemente.

IMG_0228

Marano è un’altra cittadina di laguna, vive principalmente di pesca e le numerose imbarcazioni di pescatori si specchiano nel canale che va verso il mare aperto con i loro colori sgargianti. E’ il classico clima di paese, oggi è domenica mattina, il vociare della gente che si riunisce nei bar del centro, camminiamo nell’area pedonale sino alla piazza principale con l’antica torre, le campane suonano mentre i nostri bimbi prima giocano a fare i prigionieri davanti all’antica porta di legno, poi in una gara di salto il lungo. Il clima del dì di festa, gli edifici del centro storico con quei tratti che ricordano vagamente Venezia, il sole e la tranquillità di questa località ci mette di buonumore, ne approfittiamo per un tradizionale cappuccino e cornetto seduti ai tavolini all’aperto di un caffé mentre i bimbi possono giocare liberi nella piazza. Poco distante partono le imbarcazioni per le gite nella Riserva Naturale della Valle Canal Novo, ne approfitteremo un’altra volta, oggi abbiamo ancora un paio di tappe.

IMG_0322

Lignano Sabbiadoro pare fatta apposta per le famiglie, mare, spiaggia e divertimento. Abbiamo promesso la spiaggia ai bambini e non gliela facciamo mancare, lasciamo l’auto vicino alla Terrazza a Mare e ci avviamo verso il mare, l’accesso è libero, abbiamo solo che da scegliere il parco giochi e lasciarli andare, chiaramente i birbanti scelgono quello più grande, nuovo e colorato al bagno 10! Noi nel frattempo ci godiamo il sole sulle sdraio di un ombrellone poco distante,

Per evitare di assumere il colore delle aragoste sfogliamo il carnet delle attrazioni family friendly e scopriamo che proprio in centro c’è il Parco Junior, un enorme parco a tema con attrazioni come trenino, barchette a motore, automobiline, gonfiabili giganti e percorsi avventura, i nostri bambini con la valigia non si perdono in indecisioni, come vedono l’ingresso partono a razzo verso il divertimento.

IMG_0331

Un’ora e mezzo di divertimento sono sufficienti a stancare i bimbi, ci rimettiamo in auto e mentre loro scivolano velocemente tra le braccia di Morfeo ci dirigiamo ad est, verso Trieste.

Facciamo tappa al Castello di Duino, questo antico maniero costruito sulle falesie calcaree che si tuffano nel Golfo di Trieste, è costituito da due corpi principali, il castello e la rocca della Dama Bianca, il primo seppure aperto al pubblico è tuttora residenza del Conte di Torre e Tasso, la seconda, pare realizzata sui resti di un antico Castrum romano, è il castello più antico, è il secondo ad affascinarci particolarmente, in specialmodo per la leggenda che parla del fantasma della signora del castello, che ancora si aggirerebbe di notte per le stanze in rovina della fortezza.

DSC_2688

Ancora direzione est, verso Trieste, una breve sosta nella piazzola panoramica a destra subito dopo la grotta naturale della Strada Costiera, che spettacolo il golfo, e parcheggiamo nel porticciolo di Grignano, la località di mare dove Massimiliano Arciduca d’Austria ha fatto erigere uno dei più bei castelli affacciati sul mare al mondo, Miramare.
Dal parcheggio si sale un tratto a piedi lungo una scalinata e si entra direttamente nel Parco del Castello, una grande area verde dove sono stati piantumati piante ed alberi provenienti da ogni parte del mondo, alcuni centenari. Il primo scorcio del castello lo abbiamo dalla cosiddetta piazzola dei cannoni sul fronte mare, tra gli alberi spicca la bianca sagoma merlettata di Miramare, ed è a ancora amore.

IMG_0438

Il castello è realizzato tutto in pietra bianca d’Istria, le sue forme armoniose si specchiano nel tratto di mare antistante e nel porticciolo creato proprio per accogliere i principi d’Austria al tempo. Narra la leggenda che in una notte di tempesta, Massimiliano si riparò nella Baia di Grignano, proprio qui volle realizzare la residenza per lui e sua moglie. Purtroppo la vita un po’ si sceglie ed un po’ sceglie lei, Massimiliano finì trucidato in Messico, la moglie divenne pazza, tutto senza che potessero di fatto godersi la loro bella residenza sul mare. Qualcuno dice che sia la maledizione della sfinge egiziana sulla punta del molo del porticciolo, sono dicerie, ma noi gli stiamo lontani ;) Consideriamo i castelli il luogo perfetto per una visita con i bambini, c’è la magia della favola per i piccoli, quel pizzico di cultura per i grandi, Miramare ha pure il parco dove scorazzare liberi, approvato a pieni voti.

IMG_0447

Il tramonto ci riporta sulla strada verso Grado, non prima di fermarci sullo spiazzo dell’Obelisco di Opicina per un’ultima occhiata a Trieste, le prime luci accese della città che di distende sul mare sono un colpo all’anima, ciao Trieste e ciao Friuli Venezia Giulia, ripasseremo da queste parti, magari per riprenderci quel pezzetto di cuore che lasciamo in questa terra di mezzo, dove il mare incontra la terra.

Per saperne di più: http://www.turismofvg.it/Club-Family-Experience-Mare

L’articolo FVG tra mare e terra sembra essere il primo su GoLiveFVG.

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento