Genova: la città, le sue strade e il Natale

Adoro la mia città, è un amore combattuto e fatto di contraddizioni ma d’altra parte Genova stessa è un po’ contraddittoria e poi lo sono anche io. Tra le tante motivazioni però per cui mi piace questa città c’è n’è una molto semplice: Genova ha tante facce, tanti luoghi e tanti angoli diversi in cui mi permette di rintanarmi e ritrovarmi a seconda del mio umore mutevole. Ci sono giornate di sole bellissime in questi giorni e non riesco a fare a meno dei suoi vicoli e del suo centro storico, quello più vero, quello più profondo. La cosa sembra capitare a pennello perché in questo momento dell’anno in cui il Natale prende vita, mi rintano in una parte di città che mi appare particolarmente vivace e mi ritrovo volentieri nelle sue strade strette che mi fanno sentire parte di un tutto più grande.

Voglio godermi tutta la bellezza che la città addobbata a festa mi propone e allora vado giù per via di San Lorenzo che si presenta più bella che mai, illuminata dai raggi invernali, dalla musica di ragazzi entusiasti e dalle ristate con Camilla. Arrivo in piazza Campetto e mi ritrovo a girare per il piccolo mercato che si sviluppa sulla piazzetta. C’è un po’ di tutto tra i banchi: da orecchini fatti con vecchie forchette d’argento a sciarpe e anelli.

                                                                                                                        

Il sole inizia a calare e mi dirigo verso via Luccoli, salgo su fino in cima guardando le vetrine con Babbo Natale, le sue renne e quant’altro, mi ritrovo in Via Garibaldi piena di luci appese che scendono giù a pioggia e sembrano un tappeto di stelle. Sono arrivata passando per via dei Macelli di Soziglia, qui c’è una piccola ferramenta, bottega storica aperta dal 1830, in cui vengono vendute statuine del presepe tutto l’anno: “Presepi della Butteghetta Magica”, insomma una tappa da fare soprattutto nel periodo Natalizio.

                                                            

Voglio finire questa passeggiata con un giro al Mercatino di San Nicola quindi via, a passo svelto verso piazza Piccapietra. I tendoni proteggono una novantina circa di espositori tra artigiani, allevatori, produttori e venditori. Ci sono caprette, asinelli, si passeggia, si mangia e si beve pure vin brulè.

                                                                                                                                          

 

Faccio anche una veloce sosta in Galleria Mazzini, veloce si fa per dire, tra le bancarelle ci sono libri libri e ancora libri.                

Come mi succede sempre, il tempo vola mi perdo tra i titoli e gli scrittori.

Il mio giretto in questo pomeriggio di dicembre termina qui. Mi porto dentro le luci, le nuvole su Genova, che in questi giorni mi ricordano tanto quelle del pittore Magritte, la musica che mi gira per la testa e un riflessione Natalizia di mia mamma: mi dice sempre di ricordarmi di tenere un po’ di magia dentro e non capisce il motivo per cui si dovrebbe smettere di credere in Babbo Natale solo perché non si è più bambini. Forse ha ragione lei.

“La realtà non è mai come la si vede:la verità è soprattutto immaginazione.”René Magritte

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento