I DATI DEL PRIMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO GIOVANILE

Venerdì 19 marzo alle 11.30 viene presentato a Children’s Tour il lavoro del primo Osservatorio Nazionale sui giovani viaggiatori. L’obiettivo dell’Osservatorio è quello di tracciare il profilo del segmento, definirne le tendenze e le esigenze, concepire le più efficaci strategie per sviluppare il settore del turismo 0-18

Il turismo giovanile è un fenomeno articolato e complesso, in cui il destinatario è il bambino, ma i decisori di acquisto sono genitori, insegnanti o educatori. Secondo l’Istat nel 2009 il 64% del totale degli under 14 ha fatto almeno un viaggio o una vacanza (si tratta di circa 5 milioni e 400mila bambini). Il momento più propizio per viaggiare è l’estate, anche se il periodo primaverile è stato scelto da un terzo dei piccoli turisti. Le loro vacanze preferite, poi, sono quelle all’insegna dell’attività fisica: il 5% di tutte le vacanze sportive sono richieste da figli under 14 (dati Unioncamere-Isnart). Questi sono alcuni dei dati di scenario da cui lo scorso anno ha preso il via il lavoro del primo Osservatorio Nazionale sul Turismo Giovanile. I risultati della ricerca dell’Osservatorio vengono presentati venerdì 19 marzo a Children’s Tour: l’appuntamento è a partire dalle 11.30 a ModenaFiere.

Sino ad ora le informazioni sul settore sono state scarse o frammentate e l’Osservatorio – che per sua natura sarà continuativo nel tempo – rappresenta lo strumento ideale per affrontarne i vari aspetti: conoscere come cambiano le abitudini di consumo, quali tendenze si stanno manifestando, che dimensioni ha questo segmento di mercato.
Avvalendosi dei dati emersi, lo studio – promosso e finanziato da studio Lobo, ModenaFiere, Unione di prodotto Appennino e Verde e realizzato da Iscom Group – presenta spunti di lavoro e di approfondimento per analizzare la realtà del turismo giovanile, concentrandosi sulla fascia di età dagli 0 ai 18 anni, così da comprendere tutto il percorso scolastico dell’obbligo.
Dal lato dell’offerta l’indagine ha coinvolto circa 1.350 alberghi e strutture ricettive, oltre a 100 responsabili di parchi naturali e divertimento, mentre dal lato della domanda sono circa 400 le famiglie intervistate in Lombardia, Veneto e Emilia Romagna.
L’Osservatorio fornisce una fotografia del turismo per ragazzi che consente di analizzare il fenomeno in tendenza, con le sue evoluzioni e mutamenti: in questo modo fornire agli operatori gli strumenti conoscitivi essenziali per avviare azioni di miglioramento ed essere più vicino alle reali esigenze del mercato.

Ufficio Stampa
MediaMente Comunicazione
059.347027
stampa@mediamentecomunicazione.it