In bici lungo la Ciclovia dei Laghi

Uno dei modi più divertenti ed ecosostenibili di visitare e scoprire le bellezze lombarde? Sicuramente in sella alla vostra bicicletta. Un weekend di sport e natura lungo uno dei percorsi più belli del Paese

Abbiamo aspettato tutto l’inverno, abbiamo sperato arrivasse presto la bella stagione per rimetterci in pista con la nostra bicicletta e scoprire insieme scorci e panorami impagabili. Il bel tempo finalmente è arrivato: appassionati delle due ruote, la bella stagione è finalmente tornata a strizzarci l’occhio. Tirate fuori la vostra bicicletta: si torna in strada! Tra i primi percorsi che vi proporremo nel corso dei prossimi mesi, ecco un itinerario che potrebbe diventare la vostra prima uscita della stagione. Iniziamo in grande con la Ciclovia dei Laghi, uno dei più suggestivi itinerari lombardi, meta perfetta per il prossimo ponte del 2 giugno. Il percorso si snoda lungo 270 chilometri, percorribili in diverse tappe, e comprende le province di Como, Lecco e Varese. Nove diversi itinerari per nove ambiti paesaggistici differenti. Denominatore comune: panorami indimenticabili . Tappa obbligata per gli amanti del ciclismo, ma anche di arte e cultura, il percorso sul Lago di Como che da Merone conduce a Bellagio vi offrirà innumerevoli possibilità di esplorazione. Dai bellissimi panorami sul lago, alle spettacolari ville che vi si affacciano, fino agli scorci suggestivi del centro storico di Bellagio. Organizzate la vostra partenza dalle Ferrovie Nord di Merone e raggiungete il Lago del Segrino. Da qui, proseguite in direzione Canzo e organizzate una prima tappa relax per ammirarne la bellezza. Proseguite infine verso Asso dove potrete visitare la Parrocchiale di San Giovanni Battista, edificata dal Rusconi tra il 1641 e il 1675. Da qui, l’itinerario si farà un po’ più impegnativo: raggiungete Lasnigo, poi Barni, fino a Magreglio, per spingervi fino al culmine della salita del Ghisallo dove non potrete assolutamente mancare di visitare la Chiesa della Madonna del Ghisallo, patrona dei ciclisti. Meritato riposo, da qui in poi vi potrete godere la panoramica discesa che vi condurrà a Bellagio. Un consiglio? A pranzo non rinunciate a un bel piatto tipico del lago, come i missoltini (agoni essiccati al sole), la tinca alla lariana, i filetti di luccio, il risotto con il pesce persico o i maltagliati con la bottarga di lavarello.

***

Along the Ciclovia dei Laghi by bike

One of the most entertaining and environmentally-sustainable ways of visiting and discovering the beauties of Lombardy is certainly on your bike. A weekend of sport and the countryside on one of the country’s most beautiful routes

We’ve waited all winter, we hoped that the good season would come soon so that we could go out on our bikes again and discover priceless views and panoramas together. The good weather has finally come so bike enthusiasts, the summer is finally back to wink at us. Get your bikes out as we’re back on the road. One of the first routes we’re suggesting for the coming months is an itinerary that could become your first outing of the season. We’re starting well with the Ciclovia dei Laghi (Lake Cycle Path), one of the most evocative itineraries in Lombardy, the perfect destination for the upcoming long weekend of 2 June. The route winds along 270 kilometres that can be covered in different stages, and includes the provinces of Como, Lecco and Varese. There are nine different itineraries for nine different landscape settings. The common denominator are the unforgettable panoramas. A must for all cycling enthusiasts but also of art and culture, the route from Merone to Bellagio offers countless opportunities for exploration. From the beautiful panoramas of the Como Lake to the spectacular villas overlooking it to the evocative glimpses of the old centre of Bellagio, organise your departure from the Ferrovie Nord of Merone and reach Lake Segrino. From here, go in the direction of Canzo and arrange a first stop to relax and admire the view. Continue towards Asso where you can visit the parish church of San Giovanni Battista (St John the Baptist), built by Rusconi between 1641 and 1675. From here, the going is more difficult travelling through Lasnigo, then Barni and Magreglio pushing up to the top of the Ghisallo hill where a visit to the church of the Madonna del Ghisallo, patron saint of cyclists, is a must. After some well.earned rest, you can enjoy the panoramic descent to Bellagio. At lunch, don’t go without a traditional lake dish, like the missoltini (agone dried in the sun), tinca alla lariana (Como-style tench), pike fillets, risotto with perch or maltagliati con bottarga di lavarello (maltagliati pasta with common whitefish roe).

 

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento