Nuova Galleria Sabauda, rinascita di un mito museale

Quello che oggi possiamo visitare grazie alla Nuova Galleria Sabauda è il frutto di una passione e un’ambizione: quelle di Emanuele Filiberto, che voleva far divenire Torino capitale del ducato di Savoia, ma anche il cuore culturale e artistico del suo territorio. Discendendo la dinastia dei Savoia si arriva fino a Carlo Alberto, che nel 1832 mise in pubblica mostra a palazzo Madama le collezioni dei suoi predecessori.

Ma, lo spettacolo al quale è possibile assistere oggi in quella che è considerata una delle pinacoteche più importanti d’Italia è anche frutto di un restauro e di un riallestimento durati dieci anni. Da dicembre 2015, la Manica Nuova di Palazzo Reale ha aperto per offrire ai visitatori del Polo Reale di Torino i tesori della Nuova Galleria Sabauda.

Quattro piani e 9mila metri quadri di area calpestabile offrono uno spazio adeguato per l’entità del patrimonio artistico della Galleria, le cui collezioni sono state riorganizzate su base cronologica, piuttosto che per nuclei: in questo modo viene offerta al visitatore la possibilità di compiere un percorso più immediato tra contesti storici e culturali omogenei.

Il patrimonio artistico della Nuova Galleria Sabauda si sostanzia in oltre 700 opere delle più grandi firme italiane ed europee che coprono un arco temporale che va dal Duecento al Novecento. Solo per fare alcuni nomi: Mantegna, Veronese, Pollaiolo, Guercino, Tintoretto, van Eyck, Memling, Rubens, van Dyck…

Nel terzo piano, una sorpresa per i visitatori più curiosi e appassionati d’arte: il laboratorio di restauro a vista. Qui si lavora per rendere eterni i capolavori.

 

Informazioni utili per visitare la Nuova Galleria Sabauda:

Dove: Manica Nuova di Palazzo Reale, via XX Settembre, 86

Orari di apertura: dal martedì alla domenica, dalle 9:00 alle 18:30 (la biglietteria chiude mezz’ora prima); il venerdì aperto fino alle 21:30 (la biglietteria chiude alle 20:00)

Costo del biglietto: leggi il nostro approfondimento sul Biglietto unico per il Polo Reale

Maggiori informazioni: sito web della Galleria

 

Fonte immagine: galleriasabauda.beniculturali.it

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento