Pedemontana Veneta: il turismo del paesaggio culturale si apre al mercato internazionale

Non solo mare, montagna, città d’arte, terme e lago: alle fiere del turismo di Monaco di Baviera e di Berlino la Regione del Veneto ha dato il via ufficiale al lancio della nuova area turistica “Pedemontana veneta”.

Il progetto sviluppato grazie a un accordo tra la Regione del Veneto, i Comuni di Thiene, Vittorio Veneto e le associazioni di promozione turistica Altamarca e Pedemontana.Vi Turismo punta sulla promozione del turismo enogastronomico con le strade dei vini, i luoghi e le fonti dedicate ai prodotti e ai piatti tipici: dalle ville e ai castelli, ai vini come l’Amarone, il Soave, il Prosecco e il Torcolato, alle eccellenze gastronomiche che vanno dal radicchio, all’asparago di Bassano, ai salumi come la sopressa vicentina dop e la porchetta, ai formaggi come l’Asiago, la Casatella trevigiana, il Morlacco ai paesaggi culturali e letterari. Il rilancio dell’area valorizzerà anche il turismo emozionale con la Grande Guerra, in vista del centenario 1915-2015, i paesaggi letterari con un viaggio nell’arte veneta; il turismo sportivo e del  tempo libero con i percorsi, i raduni, le guide professionali e gli eventi.
“La Pedemontana veneta - spiega Finozzi - ha potenzialità per un turismo alternativo, fatto di itinerari e di scoperte di ambienti, ville palladiane, edifici storici, tradizioni locali e produzioni tipiche dell’artigianato e dell’agroalimentare che vanno messe a sistema e organizzate per un turismo di esplorazione, di itinerari turistici e di escursioni, un turismo che può rivolgersi ad un target che vuole scoprire e riscoprire i luoghi e i prodotti originali, disponibili a muoversi anche in bicicletta, a trascorrere dei week end o short week ripetuti, specie nel periodo primaverile e autunnale”.

“Alle fiere di Monaco e di Berlino – prosegue l’assessore Finozzi – abbiamo presentato un video con le bellissime immagini  del castello Porto Colleoni Thiene, di villa Cordellina a Montecchio Maggiore, dei castelli di Romeo e Giulietta, di villa Barbaro a Maser, dello storico ponte di Bassano del Grappa e  dei musei della ceramica di Nove e dei Remondini, di villa Godi Malinverni a Lugo di Vicenza, dell’abbazia di Follina e molto altro e ha avuto un grande successo tra gli operatori”. “Grande interesse – aggiunge il presidente del Consorzio Pedemontana.Vi Nazzareno Leonardi – hanno incontrato anche i nostri prodotti l’asparago, il radicchio, i formaggi, la sopressa vicentina dop, la porchetta zuglianese, la ciliegia di Marostica, il bacalà alla vicentina, i vini e i paesaggi dell’Amarone, Valpolicella, Soave, colli asolani, Vespaiolo, il Torresan di Breganze”.
“La promozione internazionale – aggiunge Leonardi – è la prima tappa per il rilancio della Pedemontana Veneta per un turismo integrato di grande qualità”.