Qualità e gusto: guida all’artigianato di Pisa e dintorni

Oltre Pisa, con la sua torre e il suo duomo, ci sono paesaggi che non ci si aspetta: si passa falla foresta in riva al mare di San Rossore alle Balze di Volterra. Una terra ricca di tesori nascosti, dove l’artigianato incontra la bellezza della natura.

Ed è proprio nella città etrusca che inizia il nostro tour alla scoperta dell’alabastro. Volterra infatti è sempre stata al centro dell’attenzione mondiale per la lavorazione di questa pietra leggendaria. Ancora oggi gli artigiani portano avanti questa usanza. Per conoscere da vicino questa realtà, basta recarsi in un laboratorio della città oppure fare visita al Museo delle Miniere Pozzo Alfredo nei pressi di Montecatini Val di Cecina.

I prodotti di artgianato in pelle

I prodotti di artgianato in pelle

Il Valdarno Inferiore – nella zona di Santa Croce sull’Arno – è invece ben conosciuto per la tradizione conciaria. Qui viene lavorato circa il 35% del cuoio prodotto in tutta Europa e il 95% dell’intera produzione italiana. Da qui nascono le materie prime che vengono utilizzate dai marchi di moda più prestigiosi, come Gucci, Fendi, The Bridge e Valentino.
Nella stessa zona capita infatti di imbattersi in numerosi outlet e negozi che vendono le loro creazioni handmade.

Il tartufo bianco di San Miniato

Il tartufo bianco di San Miniato

Poco distante dal distretto, ci troviamo davanti San Miniato, sinonimo del prelibato tartufo bianco, il “diamante della cucina”. Il piccolo centro della provincia di Pisa è uno dei territori preferiti di questo tuber grazie alla fertile natura della valle dell’Egola. Ogni anno si festeggia il “re” delle colline sanminiatesi con la famosa Mostra Mercato del Tartufo Bianco che, in genere, si svolge negli ultimi tre weekend di novembre.

Le protagoniste della sagra di Lari

Le protagoniste della sagra di Lari

Tra i prodotti tipici di questa regione della Toscana troviamo anche la ciliegia di Lari (a giugno è possibile prender parte anche alla Sagra omonima), il miele di spiaggia del Parco di Migliarino, il pecorino delle balze Volterrane e la spuma di gota di maiale (una crema di guancia di maiale aromatizzata con pepe e aglio).

 

Per rimanere aggiornati su eventi e itinerari alla scoperta delle eccellenze pisane: www.pisaunicaterra.it

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento