Tradizione toscana in tavola: la ricetta dei Cantuccini di Prato

Sicuramente li avete assaggiati almeno una volta, magari inzuppati nel Vin Santo: i Cantuccini, o cantucci, di Prato sono uno dei dolci più amati e conosciuti della Toscana. Questi deliziosi biscotti alle mandorle, venivano cucinati già nel XVI secolo: il loro nome potrebbe derivare da “canto”, che vuol dire parte di un insieme, o da “cantellus”, che in latino significa pezzo di pane.
Molto amati alla corte dei Medici, i Cantuccini ancora oggi sono immancabili sulle tavole dei toscani, richiedono una preparazione un po’ lunga ma molto semplice: se vi cimentate nella ricetta scoprirete che fatti in casa sono davvero mille volte più buoni!

cantuccini

I Cantuccini di Prato sono perfetti con un bicchere di Vin Santo [Photo Credits: Vetrina Toscana]

1. Scottate 160 grammi di mandorle tostate nell’acqua bollente, poi togliete la pellicola scura che le ricopre. Lavorate 350 grammi di farina con 350 grammi di zucchero, un pizzico di sale, 3 uova e mezza bustina di lievito: lavorate gli ingredienti e poi unite le mandorle intere.

2. Lavorate la pasta per qualche minuto e poi ricavate dei filoncini di 2 centrimetri circa di larghezza e lasciateli riposare per mezz’ora. Poi spennellate i filoncini con l’uovo sbattuto (vi serviranno 3 uova) e infornateli a 180 gradi per 15 minuti.

cantuccini   Liliana Fuchs

I Cantuccini di Prato per una merenda perfetta [Photo Credits: Liliana Fuchs]

3. A questo punto avete quasi finito: togliete i filoncini dal forno e tagliateli in modo da ricavare i tipici biscotti dal taglio obliquo, ovvero i Cantuccini! Rimetteteli in forno per circa 5-10 minuti e poi gustateli, accompagnati da una tazza di caffè, una tisana o un bicchiere di Vin Santo.

Cantucci_di_Prato

Ecco i Cantuccini appena sfornati!

 

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento