Tre mostre per l’estate: vacanze in Toscana nel segno dell’arte

L’arte non va mai in vacanza in Toscana: dalla fotografia alla scultura vi proponiamo tre mostre estive imperdibili, per chi vuole fare una pausa dalla spiaggia o non sa come impegnare una giornata di pioggia.

A San Gimignano la  Galleria di Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Grada” ospita fino al 31 agosto le opere del grande fotografo e e artista americano Elliott Erwitt nella mostra “Icons”.  Quarantadue scatti che sono diventati vere icone del Novecento, come la splendida Grace Kelly immortalata al ballo del suo fidanzamento, il ritratto di Marilyn Monroe, il bacio tra innamorati nello specchietto retrovisore di un’auto o il salto con l’ombrello davanti alla Tour Eiffel.

Elliott Erwitt

Lo scatto in movimento di Erwitt davanti alla Tour Eiffel

Denuncia sociale che non perde la leggerezza, geometrie ineccepibili senza essere perfette, gusto dell’ironia e del dettaglio fuori posto: le foto di Erwitt sono piccole epifanie, capaci di raccontare una storia, di inquadrare un intero mondo nel volto di un bambino dietro un vetro incrinato o nella posa abbondata di una madre che contempla il suo neonato.

Erwitt

Uno scatto di Erwitt negli Stati Uniti degli anni Cinquanta

A Pisa da non perdere la mostra che per la prima volta porta l’arte contemporanea in Piazza dei Miracoli: fino al 15 gennaio del prossimo anno sotto la Torre pendente si potranno ammirare le statue di Igor Mitoraj, i suoi “Angeli”, con cui l’artista polacco si misura con le figure degli eroi perdenti, che fuggono verso la libertà. Si potranno ammirare all’Opera della Primaziale Pisana circa cento opere, tra sculture monumentali, bronzi, fusioni in ghisa e disegni.

Mitoraj Pisa [Photo Credits: Kinzica Sorrenti]

Le statue di Mitoraj sotto la Torre di Pisa [Photo Credits: Kinzica Sorrenti]

Infine a Firenze arriva una grande mostra dedicata a Giuseppe Penone, artista tra i più affermati a livello internazionale, che si svilupperà in due tra i luoghi più suggestivi della città: Forte Belvedere e il Giardino di Boboli.

Prospettiva vegetale di Penone [Photo Credits: Costanza Baldini]

Prospettiva vegetale di Penone [Photo Credits: Costanza Baldini]

La “Prospettiva Vegetale” di Penone (in mostra fino al 5 ottobre) collegherà i due spazi all’aperto con le sue sculture in legno, bronzo e marmo che indagano il rapporto tra la natura e la cultura scultuorea, e inviterà i visitatori a riscoprire il paesaggio di Firenze attraverso le sue suggestive opere d’arte. (Per informazioni: clicca qui)

 

Autore dell'articolo: TurismoSociale

Lascia un commento