valencia info sulla città di valentia

Articolo di (turismo.articolo21.info)
Valencia, fondata nel II secolo a.C. dai Romani, è la terza città della Spagna per numero di abitanti, dopo Madrid e Barcellona. È il capoluogo della Comunità Valenciana, oltre a essere un importante porto sul Mar Mediterraneo.

Cucina


Il piatto tipico, nonché originario di Valencia, è la paella. Si tratta di un piatto squisito a base di zafferano, oliodi oliva, riso che prende il nome dal recipiente in metallo dove viene cotta, detto in valenciano Paella. Ne esistono ormai di diversi tipi, ma la ricetta tradizionale prevede, oltre agli ingrendienti base, carne ( coniglio e pollo ) e verdure ( come fagiolini e pomodori ).
Un’altra specialità tipica di Valencia è l’horchata, una bevanda rinfrescante preparata con zucchero, acqua e chufa, un tubero diffuso nella piana di Valencia. Viene servita nella maggior parte dei bar, nei chioschi ambulanti, nonché in locali dedicati detti appunto horchaterías. Altro prodotto tipico è l’ Agua de Valencia, un cocktail a base di succo d’arancia, cava (lo spumante spagnolo) e vodka.

Arte e cultura

Tra la fine del XX secolo e l’inizio del XXI secolo a Valencia sono stati realizzati numerosi progetti architettonici e urbanistici che hanno data una nuova veste alla la città, facendo convivere tradizione e innovazione. È questo il caso dell’Istituto Valenciano di Arte Moderna, entrato nel gotha dei centri d’arte internazionali, e del Centro del Carmen, magnifico recupero di un monastero rinascimentale consacrato all’arte contemporanea. Ma l’opera che più ha contribuito al rilancio di Valencia è la Città delle Arti e delle Scienze, un complesso architettonico, progettato da Santiago Calatrava, composto da cinque differenti strutture suddivise all’interno di tre aree tematiche: arte, scienza e natura. Musei, auditori, uno degli acquari più grandi d’Europa e molto altro si possono ammirare all’interno delle cinque strutture, Palau de les Arts Reina Sofía , L’Umbracle, El Museu de les Ciències Príncipe Felipe, l’Oceanogràfic e, simbolo della “Città”, l’Hemisfèric: un edificio formato da una semisfera poggiata al suolo sormontata da una gabbia mobile. Questa che appare una struttura più scultorea che architettonica assume addirittura valenze pittoriche all’imbrunire: in assenza di luce solare e illuminata da luci disposte lungo la sua superficie, la struttura architettonica si riflette sullo specchio d’acqua sottostante regalandoci non un doppio, ma un intero. L’immagine che noi ammiriamo è quella di un occhio la cui capacità suggestiva sembra quasi ispirarsi a Le faux miroir di Magritte, dove la pupilla è una sfera e l’iride il cielo.

Movida


Valencia rispetto a Madrid e Barcellona si contende il primato di regina della notte ( movida ), anche se la nightlife di valencia è unica. Le zone più popolate di bar,  pub e club sono Cànovas, il Barrio del Carmen (dove c’è il maggior assortimento di locali alternativi e modaioli) e la Ciutat Universitaria, in particolare lungo Avenida de Blasco Ibáñez e nelle vie che circondano Plaza de Xuquer.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.